MAJA

Original Italian text by Giuliano Corti*
English translation by Anne Milano Appel

Fichi maturi pendono dal ramo 
scosso dal desiderio.
La bruna pelle che si spacca bramo 
nel vento mite che dà refrigerio. 
Frutti maturi e pieni 
di sguardi aperti su spenti vulcani
d'abbondanza colata a piene mani. 

Il nudo cielo sbuca 
tra i soffitti squarciati dall'abisso 
di un prato alla nuca, 
con l'occhio crocifisso 
nell'acceso rubino di quel fiore
che il clandestino mondo 
brucia al centro più biondo.

Frutti maturi, caduti fra zolle 
di terra dissodata,
dall'aratro della menzogna molle,
dal dovere che opprime voluttà 
ed il due stacca dalla volontà. 

È notte nel mormorio di fontane zampillanti,
l' anima zampilla dal sasso della vita. 
È notte nel canto del celeste respiro, 
l'anima respira nel cielo della vita. 
È notte nel desiderio che rompe la voce, 
l'anima parla nel palato della vita. 
È notte gridano le acque scintillanti, 
l'anima beve alla fonte della vita. 
È notte di luce nella sete di ritiro, 
l’anima inumidisce il filo della vita. 
È notte nel silenzio di sorgenti alla foce,
l' anima ascolta il torrente della vita.

Un prato con cespugli di silenzio 
tra gli alberi danzanti sulle arie 
d'un vento tempestoso. 
Calma suono. parole millenarie, 
degli enigmi che bevono l'assenzio 
d' un accordo amoroso. 
Luna dal senso gravido ed ozioso 
nell'attimo di partorire il sole
sdraiata sull’orizzonte che vuole,
confusa da parole 
sussurrate all’orecchio
dal pendolo che oscilla nello specchio.
Sguardo dell'occhio che guarda la vita
mentre oro distilla
sfuggendo come goccia tra le dita,
caduta nel pozzo della pupilla
dove lo sguardo affonda
col suo carico d'oro luccicante
stupefacente vita di un istante
cui I'eco fa da sponda.

Danza il passo insidioso,
struggente interrogativo danzato
di uno sguardo tortuoso,
pensiero allucinato
da suoni nella coppa delle mani
che accompagnano il ballo
col suono del metallo
serpeggiante tra i corpi del domani.
Udito tra le dita:
passi, danzanti palpiti sul ciglio
della fonda ferita
in cui serpi s'arruffano
ai pensieri che volano.

(Voce recitante)

Nell'occhio dell'abisso, come pesci ciechi,
galleggiano i pensieri dell'acqua senza luce.
Mutevole, selvaggia, profonda coppa di misteri,
rifiuto delle virtù umane, desiderio di saggezza,
incessante vittoria dell'istinto senza luce
lontananza e varietà intrecciata al segreto
del tramonto, del cader di foglie, della luna piena.
Lotta che ha il fine di contraddir la luce
per conoscere i tortuosi vicoli del sapere
percorrendo la via spinosa della volontà,
nemico sconosciuto del voler la luce,
dove trottano le gambe della volontà
che vorrebbe solo esistere, solo volere.
Ma la semplice volontà d'esistere non luce,
l'inesistente non si vuole, l' esistente vuol tramontare.
Commetter sacrilegio contro la viva terra,
questo è il veleno versato nel catino della luce 
dalla devota ragione dall’invisibile giustizia 
intrecciate ai rami della compassione. 
Viva volontà, non di vita, ma di luce. 
Ripe figs hang from the branch
shaken by desire.
I long for the dark skin that splits open 
in the gentle, cooling wind. 
Ripe fruits, full 
of glimpses of extinct volcanoes
of abundance flowing profusely.

The naked sky peers
through broken clouds from the abyss
of a meadow cradling the nape,
the eye transfixed
by the fiery ruby of that flower
that the clandestine world
burns at its palest center.

Ripe fruits, fallen among clods
of earth tilled
by the plough of a feeble lie,
by duty that oppresses voluptuousness
and separates the two from volition. 

It is night in the murmur of gushing fountains,
the soul gushes from the stone of life.
It is night in the song of the celestial breath,
the soul breathes in the sky of life. 
It is night in the desire that cracks the voice, 
the soul speaks in the palate of life.
It is night shout the sparkling waters,
the soul drinks of the fountain of life.
It is a night of light in the thirst for retreat,
the soul moistens the strand of life.
It is night in the silence of river-mouth springs,
the soul listens to the torrent of life.

A meadow with shrubs of silence
among trees dancing on the airs
of a tempestuous wind.
Calm, sound, words of old, 
of enigmas that drink the absinthe
of amorous accord.
Moon so pregnant and languid
as it gives birth to the sun
reclines on the longed-for horizon,
confused by words
whispered in the ear
by the pendulum swinging in the mirror.
A glimpse of the eye looking at life
as gold distils
slipping droplike through the fingers,
fallen into the pupil’s well
where the gaze sinks
with its weight of glittering gold
wondrous life of an instant
sustained by its echo.

The insidious step dances,
the yearning questioning dance 
of a tortuous gaze,
thought dazzled
by sounds in cupped hands
that accompany the dance
with the sound of metal
slithering amid tomorrow's bodies.
Heard through the fingers:
steps, dancing throbs on the brink
of the deep wound
in which serpents bristle
at flying thoughts.

(Spoken voice)

In the eye of the abyss, like blind fish,
float thoughts of lightless water.
Changing, savage, a goblet deep with mysteries,
rejection of human virtue, a yearning for wisdom.
never-ending victory of instinct without light
distance and variety interwoven with the secret
of the sunset, of falling leaves, of the full moon.
A struggle fought to contradict the light
to learn the tortuous paths of knowledge
down the thorny path of the will,
unknown enemy of the desire for light,
where the willing limbs keep trotting
wishing merely to exist, to want.
But the simple will to exist does not alight,
the non-existent does not want, the existent wants to set.
To commit sacrilege against the living earth,
this is the venom poured into the bowl of light
by devout reason, by invisible justice 
caught up in the branches of compassion.
A living will, not of life, but of light.

*Giuliano Corti was born in Como in 1948. After obtaining a degree in Philosophy from the University of Milan, he attended a specialization course in Theoretical Philosophy at the University of Pavia.
He holds a teaching diploma in History and Philosophy, and in the Seventies taught at the high school level.
Since the early Eighties he has provided conceptual and orientative consulting to market research institutes, advertising agencies, design and graphic studios, and film and video production houses. He also collaborates with several architecture and design magazines, examining the communication value of industry-designed objects and architectures.
He writes novels, opera librettos, screenplays, theatre plays and articles for literary reviews.

Top of Page